gototopgototop

Salvatore Abbruscato

Sito ufficiale del docente in pensione Dott. Salvatore Abbruscato

recito_rid_cornice

Il teatro secondo Goethe

img_1264708538172_1431img_1264708538172_1431

Vorrei che il palcoscenico fosse sottile

come la corda di un funambolo

affinché nessun inetto

vi ci si arrischiasse sopra...



Auguri a tutti dal Dottor Luigi D'Antona PDF Stampa E-mail
Scritto da Dottor Luigi D'Antona ,ex direttore generale delle Poste   
Venerdì 30 Ottobre 2015 20:16

 Buon giorno, mie care amiche, miei cari amici, salite oggi con me in groppa al destriero alato della fantasia e dei desideri, obliamo, anche solo per pochi minuti, i nostri molesti assilli di adulti, torniamo ad essere bambini, sì da volgere il naso in su ammirando le nubi e immaginandole ingenuamente come bagnarole colme di pioggia o come soffici e candide spume capaci di assumere figure diverse.

     Auguro eterei spazi dove poter rincorrere variopinte chimere.
     Auguro mani che coccolano, dispensatrici di affabili, consolanti, lenitive carezze.
     Auguro sorrisi effusi a tutti e per ogni parte.
     Auguro serici e morbidi fazzoletti che detergono lacrime.
     Auguro sogni pervasi di fascinose favole.
     Auguro risvegli pieni di nuovi aneliti e ardimenti.
     Auguro oceani di incanti e stupori.
     Auguro cieli sereni, prati fioriti cosparsi di sole.
     Auguro vagheggiamenti che, quali spiri tenui di venti, portino gli animi ovunque vogliano andare.
     Auguro mondi ove siano ognora presenti concordia e familiarità.
     Auguro arcobaleni di speranze e di gioie per sempre vive nei cuori.

     Ritroviamoci insieme nell'aura che alita sugli erbosi campi, nella corolla profumata di una rosa che sboccia, nell'ondeggiare delle bionde spighe di grano, nella limpida freschezza della rugiada mattutina, nel vivificante tepore della primavera, negli occhi meravigliati dei bambini, nel volo leggero degli uccelli o di aquiloni colorati, nel canoro andirivieni del mare, nell'indaco del cielo, nella luce fioca della luna, nel rasserenante silenzio della notte, negli orizzonti animici dell'infinito e dell'eterno senza i quali non v'è libertà.

     Ma soprattutto apriamo le finestre dei nostri cuori, immergiamoci interamente nel fulgore e nell'estasi dell'amore.

                                     Luigi D'Antona

 
Indietro

Sei qui: Riflessioni Auguri a tutti dal Dottor Luigi D'Antona